Incontrarsi…

Io penso che quando due vite molto differenti si incontrano è difficile dare una propria opinione su come finirà tra loro. Incontrarsi e conoscersi vuol dire tentare di unire qualcosa che prima è sempre stato diviso, scoprire chi abbiamo davanti a noi. Conoscersi è lasciare che una parte di te entri dentro all’altra persona senza preoccuparsi delle conseguenze. La preoccupazione vela molte nostre parti. Parlando di sé si va incontro molte volte al fatto di dire: “Cosa potrebbe interessargli della mia vita?”, e per una buona percentuale, la risposta è un banalissimo: “Non so”. Onestamente molte volte guardo la mia vita e mi chiedo che cosa ho concluso fino ad oggi, non trovo quasi mai risposta. Mi sento come un puzzle formato da tanti pezzi di altri puzzle e che pur facendo attenzione ai dettagli non riescono a incastrarsi gli uni con gli altri. Molte volte le soluzioni alle difficoltà le abbiamo davanti, così facili da raggiungere e così lontano da toccare. Il più delle volte è solo un blocco mentale che non ci permette di afferrare quella soluzione che ci portiamo davanti agli occhi per così a lungo da non vederla praticamente più. L’unica cosa che posso notare guardandomi ora sono i rapporti che ho con le persone. Ora comunico. Difficile pensare che fino a pochi anni fa non parlavo con nessuno a meno che non lo conoscessi. Difficile pensare che se incontrassi il me di qualche anno fa probabilmente non lo riuscirei nemmeno a riconoscere, anche se la base è quella.

P.S. Un ringraziamento speciale a Noemi V. che si è prestata per la lettura prima della pubblicazione ufficiale.

“L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c’è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati.” 

Carl Gustav Jung

incontrarsi

Annunci

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: